Microsoft annuncia la fine ufficiale di Internet Explorer


21 Maggio 2021 - Microsoft sta ritirando il suo iconico browser Internet Explorer a favore di Microsoft Edge, il suo browser web più brillante e a prova di futuro.


Microsoft sta ritirando il suo iconico browser Internet Explorer a favore di Microsoft Edge, il suo browser web più brillante e a prova di futuro.

Microsoft sta finalmente staccando la spina dal suo browser Internet originale, Internet Explorer. Dopo un ciclo di vita di oltre 25 anni, l'applicazione desktop per Internet Explorer verrà "ritirata" il 15 giugno 2022 e non riceverà più servizi di supporto dalla società. La società incoraggia invece gli utenti a passare a Microsoft Edge, che include il supporto legacy per i siti Web basati su Internet Explorer.

Sebbene l'effettiva fine del ciclo di vita di Internet Explorer fosse avvenuta lo scorso anno, consentiva comunque agli utenti di utilizzare Explorer con funzioni limitate. Microsoft ha annunciato lo scorso anno che l'app Web per Microsoft Teams smetterà di funzionare su Internet Explorer 11 (IE11) dal 30 novembre. Inoltre, i servizi inclusi in Microsoft 365, come Outlook e OneDrive, smetteranno di connettersi a IE11 dal 17 agosto 2021.

Il gigante della tecnologia aveva affermato lo scorso anno che la revoca del supporto per questi servizi significherebbe che gli utenti avranno una "esperienza degradata" su IE11, l'ultima versione di Internet Explorer. La società afferma: "Nell'ultimo anno, potresti aver notato il nostro allontanamento da Internet Explorer ( "IE"), ad esempio un annuncio della fine del supporto IE da parte dei servizi in linea di Microsoft 365. Oggi siamo alla fase successiva di questo viaggio: annunciamo che il futuro di Internet Explorer su Windows 10 è in Microsoft Edge ".

Sebbene Internet Explorer abbia perso la sua rilevanza nel corso degli anni, il browser è una parte importante della storia di Internet. La sua storia abbraccia la prima grande battaglia antitrust tra Big Tech e le autorità di regolamentazione, quando Microsoft si è presentata davanti al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti alla fine degli anni '90. L'esito di quel caso è uno dei motivi per cui quasi tutti i browser web oggi sono gratuiti e hanno portato a normative che hanno cambiato il modo in cui funzionava Windows.

Il browser web rappresentava oltre il 90% della quota di mercato intorno al 2004, ma è diminuito costantemente dal lancio di Google Chrome nel 2008. Oggi ha una quota di mercato inferiore all'1%.



Commenti:

Nessun commento

Accedi al portale per commentare l'articolo. Accedi