CircleCI vs Jenkins


28 Settembre 2021 - Scopri le principali differenze tra CircleCI e Jenkins, due piattaforme di strumenti di integrazione CI/CD ampiamente utilizzate.


Scopri le principali differenze tra CircleCI e Jenkins, due piattaforme di strumenti di integrazione CI/CD ampiamente utilizzate.

CI/CD è una chiave di volta nei processi automatizzati durante lo sviluppo del software. L'obiettivo è eliminare la necessità di un intervento manuale ogni volta che il team ha bisogno di avviare o aggiornare un'app.
Cos'è esattamente CI/CD lo abbiamo visto negli articoli precedenti, detto questo dove si inseriscono Jenkins e CircleCI in questi processi?

Dove si inserisce Jenkins?

Per i linguaggi di programmazione come Java, è necessario un processo di compilazione prima che un'applicazione possa essere distribuita. Il sistema di building come il clic manuale e il processo decisionale sugli eventi possono minare la produttività di uno sviluppatore. La mancanza di uno o due passaggi può far sì che i bug futuri non vengano rilevati o si traduca in una distribuzione non riuscita.
Jenkins è un server di automazione open source che consente agli sviluppatori di software di impostare rilevamenti tramite script, creare pacchetti, eseguire test e distribuirli sul server. In CI/CD, Jenkins occupa una buona parte della funzionalità CI.
Come molte altre soluzioni FOSS, Jenkins si affida a una raccolta di plug-in per fornire ogni aspetto dell'integrazione continua. Questi includono builds, test continui, sistema di controllo della versione, gestione della configurazione, monitoraggio continuo e distribuzione continua tramite una soluzione di terze parti come Ansible.
Uno dei vantaggi di Jenkins è che, una volta configurato, i nuovi sviluppatori del team non devono imparare la parte operativa dello sviluppo. Ciò consente loro di concentrarsi sulla creazione dell'applicazione e di non preoccuparsi dei dettagli del server o dei processi di distribuzione.

Cos'è CircleCI (in un mondo Jenkins)?

CircleCI è simile nel concetto a Jenkins, tranne per il fatto che è una soluzione proprietaria con un modello di licenza freemium. CircleCI è utilizzato da importanti aziende come Samsung e Spotify.
Nonostante sia una soluzione a pagamento, CircleCI supporta fortemente la comunità open source, offrendo 400.000 crediti extra al mese per le build open source. React, Vue.js, Helm, PyTorch e OpenMCT sono alcuni dei principali progetti open source che attualmente utilizzano CircleCI.
Quindi cos'è che rende CircleCI speciale? La risposta sta nella loro toolchain e nelle offerte di cloud hosting.
Jenkins è stato un punto fermo nel mondo dell'integrazione continua dal 2011. La console è semplice e minimalista, ma molto datata e a volte un po' goffa. CircleCI ha un'esperienza utente secondo quanto riferito migliore e supporta YAML dichiarativo per il processo di installazione.
La manutenzione di CircleCI stessa è automatizzata e gli utenti hanno la possibilità di utilizzare nuove funzionalità non appena vengono rilasciate. Jenkins, tuttavia, richiede il supporto manuale dei singoli plug-in, che possono avere cicli di rilascio e livelli di supporto diversi.
Jenkins si affida a integrazioni di terze parti per funzionalità e prestazioni, mentre CircleCI è ottimizzato per allocare CPU e RAM negli spazi corretti con un intervento minimo.
Dal punto di vista della sicurezza, per impostazione predefinita Jenkins concede a ogni nuovo utente l'accesso completo e quindi è necessaria la configurazione manuale delle autorizzazioni per proteggere la pipeline CI. CircleCI lavora sull'autenticazione basata sui ruoli e adotta automaticamente le autorizzazioni per i nuovi utenti.

Jenkins vs Circle CI

Per applicazioni di grandi dimensioni che richiedono build frequenti, Jenkins può sembrare una buona idea, fino a quando non è necessaria la manutenzione. Nonostante abbia liberato il tempo degli sviluppatori dedicato ai processi di integrazione, ci vuole ancora una notevole quantità di ore per mantenere gli aggiornamenti, i protocolli di sicurezza e qualsiasi modifica su Jenkins.
CircleCI semplifica tutto questo e elimina il fattore di manutenzione, riducendo il tempo necessario per le attività che richiedono un intervento manuale se si utilizza Jenkins.

Ecco un rapido confronto fianco a fianco di Jenkins e CircleCI.

 

Jenkins

cerchioCI

Facilità d'uso

Potrebbe essere di difficile utilizzo per i nuovi DevOps orchestrare e navigare

Processo semplificato per l'integrazione

Ospitando

Self-hosted

Hosting cloud autonomo o gestito

Supporto della comunità

Forte supporto della community ricca di domande e risposte disponibili su Stack overflow per problemi comuni e domande di integrazione

Comunità più piccola ma documentazione altamente dettagliata che colma la maggior parte delle lacune

Popolarità

Forse lo strumento CI più popolare perché è completamente gratuito

Molto apprezzato e utilizzato da grandi aziende come Samsung, Spotify, Lyft e Coinbase

Integrazione di terze parti e cloud

Dipende dai plugin. Esistono oltre 100 plug-in per soddisfare qualsiasi esigenza richiesta dall'integrazione continua, ma sono gestiti da terze parti, il che significa che la configurazione finale di Jenkins per la tua applicazione potrebbe avere un ciclo di rilascio degli aggiornamenti scaglionato.

Pienamente supportato da CircleCI e tutti gli aggiornamenti vengono goduti automaticamente dall'utente. Non è necessario che un membro del team DevOps mantenga le versioni o si assicuri che tutto sia aggiornato.

Costo

Gratuito. Ma i costi accessori arrivano attraverso l'hosting. La scalabilità automatizzata deve essere presa in considerazione e strutturata nei server di hosting di Jenkins per l'efficienza dei costi.

CircleCI offre hosting scalabile sulle proprie orchestrazioni cloud. La versione gratuita ti consente di eseguire 1 lavoro alla volta. In alternativa, sono $ 30 al mese fino a 80 operazioni simultanee con funzionalità di cache a livello di Docker. Per eseguire CircleCI sul tuo server, costa $ 35 al mese per utente con un piano annuale.

È facile dire che CircleCI sembra essere un vincitore. Tuttavia, a differenza di Jenkins, che è completamente gratuito e open source, CircleCI è anche una soluzione proprietaria.
Le soluzioni open source tendono ad avere un supporto comunitario più ampio per natura, consentendo un alto livello di conoscenza condivisa tra i diversi potenziali problemi che possono sorgere. Questo non vuol dire che CircleCI non abbia un sistema di supporto. Il contenuto offerto da CircleCI è molto dettagliato con eventi e webinar per aiutare a colmare le lacune nelle conoscenze.
Sebbene Jenkins sia completamente gratuito, il costo secondario per eseguirlo sui propri server può gonfiare il costo effettivo se il server non è completamente ottimizzato. L'ottimizzazione richiede anche il tempo di uno sviluppatore, determinando un diverso tipo di costo per l'azienda.
CircleCI elimina questi fattori e semplifica il costo finale dell'investimento nell'integrazione continua per il processo di sviluppo del software. Puoi utilizzare le loro soluzioni di cloud hosting e la manutenzione viene eseguita da CircleCI.
Quindi quale dovresti usare per la tua pipeline di integrazione continua? Dipende da quanto vuoi essere pratico con i tuoi processi di integrazione del software.
Sebbene Jenkins sia "hands-off", è "hands-on" in un modo diverso, dagli aggiornamenti manuali alle orchestrazioni ottimizzate del server. CircleCI è l'aspetto dell'integrazione continua "a mani libere", ma ad un piccolo costo.



Commenti:

Nessun commento

Accedi al portale per commentare l'articolo. Accedi